mercoledì, Maggio 22, 2024
Politica

Crisi Umanitaria E Spirale Bellica: Evoluzione Del Conflitto In Ucraina

di Umberto Bonavita

Più di 3,2 milioni di persone sono già fuggite dall’Ucraina in seguito all’ invasione russa del 24 febbraio. Si stima che la crisi abbia provocato finora lo sfollamento di circa 2 milioni di persone all’interno del paese e si prevede che ci saranno 6,7 milioni di sfollati nelle prossime settimane. L’UNHCR stima che più di 4 milioni di persone potrebbero fuggire dall’Ucraina con l’ulteriore deterioramento della situazione.

Fino ad ora, l’esodo è stato sopportato dai paesi direttamente confinanti con l’Ucraina. La Polonia è il principale paese di accoglienza dei rifugiati con oltre il 60% di arrivi. Ma è probabile che questo cambi nelle prossime settimane.

Gli ucraini hanno diritto a 90 giorni di soggiorno senza visto all’interno dell’Unione Europea, e molti si spostano oltre il loro paese di ingresso in altri paesi all’interno dell’UE. Anche paesi extra UE contribuiscono al reinsediamento dei rifugiati ucraini. Canada, Regno Unito e Giappone hanno tutti annunciato di recente lo sviluppo di nuovi programmi per consentire l’ingresso semplificato degli ucraini. 

Si prevede che 12 milioni di persone avranno bisogno di assistenza umanitaria. Prima di questa recente azione militare, quasi 3 milioni di persone avevano già bisogno di aiuti umanitari in tutta l’Ucraina, inclusi oltre 850.000 sfollati interni.

I gruppi particolarmente vulnerabili includono gli anziani e le persone con disabilità che potrebbero non essere in grado di fuggire dalle aree ad alto rischio. Donne e bambini, che costituiscono la maggioranza delle persone in fuga dalla crisi, sono a rischio di violenza di genere, sfruttamento e abusi sessuali.

La crisi in corso ha già provocato massicci sfollamenti in tutta la regione. La popolazione deve affrontare rischi significativi poiché l’offensiva militare ha gravemente danneggiato le infrastrutture e gli alloggi civili e ha interrotto i servizi pubblici essenziali per l’acqua, l’elettricità, i trasporti, l’assistenza sanitaria, i servizi di emergenza e altro ancora.

La maggior parte delle persone in fuga sono donne e bambini. Le donne devono affrontare sfide significative e sono maggiormente a rischio di sfruttamento e abusi sessuali, tratta di esseri umani e prostituzione forzata. Durante la fuga, i bambini sperimentano stress e traumi e sono in pericolo di separazione familiare.

Tra il 24 febbraio e il 16 marzo 2022, l’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) ha registrato almeno 780 vittime civili in Ucraina. Le morti civili continuano ad essere causate dall’uso di ordigni esplosivi, compresi i bombardamenti di artiglieria pesante, più sistemi di lancio di razzi, missili e attacchi aerei.

Ci sono state più di 4.300 nascite dall’inizio delle ostilità e si stima che 80.000 donne partoriranno in Ucraina nei prossimi tre mesi. Le interruzioni delle cure prenatali possono aumentare il rischio di complicanze ostetriche e neonatali.

È probabile che le catene di approvvigionamento abbiano un impatto significativo (sia a breve che a lungo termine) sulla sicurezza alimentare e sui mezzi di sussistenza basati sull’agricoltura in Ucraina, in particolare nelle comunità rurali, che ospitano un terzo della popolazione (12,6 milioni di persone).

Per quanto riguarda la diffusione del Covid-19, un totale di 35.396 nuovi casi e 556 nuovi decessi sono stati segnalati in Ucraina dal 10 al 16 marzo.

Tuttavia, il numero medio di sette giorni di test molecolari è diminuito da 42.460 a 3.913 dal 23 febbraio al 14 marzo e il numero medio di sette giorni di test diagnostici rapidi dell’antigene è diminuito da 51.484 a 3.038. Pertanto, è probabile che il numero di casi Covid-19 sia sottostimato.

La scarsa ventilazione e il sovraffollamento aumentano il rischio di diffusione di infezioni respiratorie, compreso il Covid-19.

La mancanza di accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari aumenta il rischio di insorgenza di malattie trasmesse dall’acqua. Di nota, un focolaio di colera è stato identificato in Ucraina nel 2011 nella regione di Mariupol, un’area che sta attualmente vivendo un’escalation nel conflitto. Un singolo caso di colera è stato rilevato anche nell’oblast di Zaporizhzhya nel 2016, evidenziando la possibilità che si verifichino casi di colera in alcune parti del Paese.

La copertura vaccinale non ottimale delle vaccinazioni di routine e infantili, inclusi morbillo e poliomielite (polio), oltre che anti covid, aumenta il rischio di ricomparsa e trasmissione di malattie prevenibili con il vaccino.

Con l’arrivo della primavera e l’aumento delle temperature, l’accesso interrotto all’acqua potabile, ai servizi igienici e i danni alle case possono aumentare il rischio di malattie trasmesse da vettori come la febbre del Nilo occidentale e le zecche encefalite.

Per quanto riguarda il pericolo radioattivo, esistono quattro centrali nucleari (NPP) operative in Ucraina e una centrale nucleare dismessa a Chernobyl.

C’era preoccupazione per la sicurezza della centrale nucleare di Chernobyl a seguito di una recente interruzione di corrente e il rischio per la salute dovuto all’esposizione alle radiazioni. L’energia è stata ora ripristinata alla centrale nucleare di Chernobyl utilizzando generatori diesel di emergenza. Al 17 marzo non vi è stato alcun aumento documentato delle radiazioni nei livelli segnalati in Ucraina intorno a qualsiasi centrale o sito.

Combattenti stranieri e visioni islamiche

L’appello dell’Ucraina affinché i volontari si uniscano alla sua Legione Internazionale della Difesa dell’Ucraina ha suscitato notevoli commenti, così come confronti storici con altre mobilitazioni. Oltre al sito Web che fornisce dettagli su come iscriversi, l’invito ai volontari è stato anche prominente sulle pagine Facebook delle ambasciate ucraine in tutto il mondo, inclusa l’Asia.

La reazione da parte dei governi occidentali a questo appello è stata mista. Gli Stati Uniti scoraggiano i propri cittadini dal viaggiare e combattere in Ucraina, mentre nel Regno Unito, dopo i commenti inizialmente positivi del ministro degli Esteri, il governo ha ora fatto marcia indietro, con la possibilità che tale attività possa essere oggetto di indagine ed eventuale perseguimento penale.

Nonostante questi avvertimenti, le analisi più credibili suggeriscono che centinaia, molti dei quali veterani militari, sono in procinto di partire per l’Ucraina, o sono già arrivati lì. Secondo alcune fonti il 31% della Legione Internazionale di Difesa dell’Ucraina è formata da veterani statunitensi, il 18% da inglesi, il 6,8% da tedeschi, 4,7% canadesi, 2,8% indiani e la restante parte divisa tra croati, israeliani, lettoni, danesi, olandesi, polacchi, portoghesi e brasiliani.

La mobilitazione ricorda per certi versi i volontari occidentali che si sono uniti a vari gruppi armati in Iraq e Siria, in particolare la milizia curda siriana, le YPG (Yekîneyên Parastina Gel) nel conflitto contro lo Stato Islamico (ISIS).

I fattori motivanti includono le immagini e le notizie delle sofferenze dei bambini e dei civili sotto l’attacco russo, l’idea generale che non si può stare a guardare e non fare nulla, l’idea di difendere la democrazia e, soprattutto per i volontari provenienti dai paesi vicini, la sensazione che il loro paese sarà il prossimo se l’Ucraina dovesse cadere.

Nel conflitto contro l’ISIS, l’elemento transnazionale comprendeva quasi esclusivamente individui provenienti dall’Occidente, più membri della diaspora curda e outsiders: alcune persone dal Sud America, dall’Europa centrale e dall’Australia. C’erano pochissime persone dall’Asia. La situazione, almeno per quanto riguarda le intenzioni, potrebbe essere leggermente diversa questa volta.

La stragrande maggioranza degli asiatici e del sud-est asiatico che vivevano, lavoravano o studiavano in Ucraina è stata evacuata, ma sembra che tra coloro che hanno scelto di rimanere, un sottogruppo più piccolo abbia impugnato le armi. Secondo quanto riferito, un individuo malese che viveva in Ucraina si è unito all’esercito di difesa territoriale ucraino. Dall’Asia stessa, si pensa che un piccolo numero di individui abbia già compiuto il viaggio in Ucraina. Un importante Youtuber sudcoreano, che è anche un ex subacqueo della marina, sembra essere già arrivato nel Paese. È uno dei circa 100 sudcoreani che hanno espresso interesse a prendere le armi, nonostante il governo abbia avvertito di non recarsi in Ucraina per combattere.

Ci sono state manifestazioni di interesse da parte di dozzine di individui dal Giappone, alcuni con esperienza nelle forze di autodifesa giapponesi e un piccolo numero che ha rivendicato esperienza con la Legione straniera francese. In quella che è probabilmente una risposta alle pressioni esercitate da alcuni governi, le richieste di volontari da parte di alcune ambasciate ucraine sono state modificate o cancellate. Nel caso del Giappone, ora si tratta di un invito a persone con esperienza medica, informatica, di comunicazione o antincendio specializzata. Ci sono state obiezioni simili in altri paesi. Ad esempio, le autorità indiane sembrano aver forzato la cancellazione di un tweet della Legione Internazionale che sembrava prendere di mira i volontari indiani.

La reazione diplomatica e politica complessiva delle nazioni del sud-est asiatico all’invasione russa è stata tiepida, con una notevole eccezione, Singapore, che si è fortemente opposta all’invasione russa. Si tratta di nazioni estremamente diverse, ma ampi filoni di pensiero, derivati da un’analisi dei post sui social media e dalle discussioni online, possono avere qualche influenza sulle decisioni individuali. Alcune persone interessate dalla Thailandia, ad esempio, sembrano avere informazioni spropositate sulla retribuzione a cui avrebbero diritto o hanno erroneamente avuto l’impressione che avrebbero ricevuto in cambio la cittadinanza europea.

Nelle nazioni a maggioranza musulmana le discussioni in molti ambienti mostrano una posizione antioccidentale, e quindi anti-ucraina, poiché l’Ucraina è vista come filoccidentale con un presidente ebreo, il che è un anatema per un segmento dell’opinione musulmana. I gruppi estremisti intransigenti, in particolare in Indonesia, avrebbero preso atto delle recenti indicazioni dell’ISIS secondo cui è vietato essere coinvolti in quella che viene definita una guerra “crociato contro crociato”.

L’ISIS ha aggiunto che l’invasione “non è sorprendente”, dicendo che era “lo stato della crescente competizione tra America e Russia per controllare i paesi dell’Europa orientale, soprattutto dopo la politica di sostegno e contenimento perseguita dall’America”.

L’ISIS spera in una completa distruzione da entrambe le parti che scatenerà il caos globale e abbatterà l’Occidente.

Assistenza armata dell’Occidente

Nel frattempo, gli Stati Uniti di Biden, con l’annuncio di mercoledì, porta l’importo totale degli aiuti militari statunitensi promessi all’Ucraina ad 1 miliardo di dollari solo nella scorsa settimana, un’enorme accelerazione rispetto ai 2,7 miliardi di dollari forniti tra il 2014 e l’inizio del 2022.

Il nuovo aiuto degli USA all’Ucraina include un’ampia gamma di equipaggiamenti militari, che vanno da 25.000 giubbotti antiproiettile ed elmetti, a fucili, mitra, pistole e lanciagranate, migliaia di altre armi anticarro e più di 20 milioni di proiettili.

Oltre a 2.000 missili Javelin, le armi più potenti includono 800 sistemi antiaerei Stinger, un tempo notoriamente usati per abbattere gli aerei sovietici in Afghanistan. Questi sono efficaci contro elicotteri a bassa quota o aerei fino a circa 3.800 m (12.400 piedi), rendendoli relativamente inutili contro i bombardieri russi a quota più alta.

Gli Stati Uniti prevedono anche di spedire 100 “sistemi aerei tattici senza pilota”(Switchblade), piccoli droni che sono spesso lanciati a mano e abbastanza piccoli da stare negli zaini. I soldati possono usarli per esplorare il campo di battaglia o, in alcuni casi, per attaccare, creando essenzialmente bombe volanti che possono essere lanciate contro bersagli a distanza.

Gli Stati Uniti non sono i soli a fornir

e aiuti militari all’Ucraina. Almeno altri 30 paesi hanno fornito aiuto, inclusi 500 milioni di euro dall’Unione Europea, una novità storica. L’Italia stessa ha contribuito con 110 milioni di euro a fondo perduto e 150 milioni di euro in armi ed equipaggiamenti.

Dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato il nuovo pacchetto di armi e aiuti, tuttavia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che era urgentemente necessario “maggiore sostegno”.

“Anche più di quello che otteniamo ora”, ha detto, chiedendo “sistemi di difesa aerea, aerei, armi e munizioni sufficienti per fermare gli occupanti russi”. In risposta il presidente Biden ha promesso che saranno in arrivo ulteriori aiuti e che gli Stati Uniti stanno lavorando per aiutare l’Ucraina ad acquisire i sistemi di difesa aerea a lungo raggio di cui ha bisogno, senza fornire dettagli.

Dopo circa un mese dall’invasione, le forniture di armi occidentali all’Ucraina hanno solo consentito il rallentamento dell’esercito russo ma non l’annientamento o il ritiro. Sono d’altro canto aumentate le violenze, i bombardamenti più estesi e distruttivi, il numero dei civili morti è in costante aumento. Pare che siano state solo sufficienti per consentire agli ucraini di “morire eroicamente”. Secondo l’intelligence Usa, 5.000 circa sono i soldati e volontari ucraini caduti in combattimento.

Il conflitto si sta presto trasformando in uno scontro tra Occidente e Russia, l’Ucraina sembra essere stato il pretesto per risvegliare vecchi fantasmi della Guerra Fredda.

a diplomazia è l’unica carta da giocare per riportare la situazione sotto controllo. La Turchia afferma di essere in contatto costante con le due parti e di garantire presto l’accordo di pace. Al momento però, dopo quattro incontri, i negoziati sono fermi.

Nel frattempo, la resistenza volontaria ucraina formata da: gruppi patriottici; gruppi nazional-socialisti e di estrema destra (Battaglione Azov); Banderiti (membri di un assortimento di organizzazioni di destra ucraini); OUN (organizzazione dei nazionalisti ucraini); tradizionalisti religiosi; separatisti ceceni; nazionalisti georgiani; ultras calcistici antifascisti; milizie anarchiche; separatisti bielorussi; è equipaggiata con armi occidentali, delle quali molte sono già finite in mano all’esercito russo e altre faranno presto il giro del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

krysopeainstitute