venerdì, Giugno 21, 2024
Politica

“ La situazione in Ucraina scuote il mondo intero. Definirà il prossimo futuro? “

di Umberto Bonavita

Le tensioni tra l’Ucraina e la Russia sono ai massimi degli ultimi anni, con un accumulo di truppe russe vicino ai confini delle due nazioni che alimenta i timori che Mosca possa lanciare un’invasione.

Il Cremlino nega che stia pianificando un attacco e afferma che il sostegno della NATO all’Ucraina, compreso l’aumento delle forniture di armi e dell’addestramento militare, costituisca una minaccia crescente sul fianco occidentale della Russia.

Alla fine del 2021, le foto satellitari hanno rivelato la massiccia presenza della macchina bellica russa, inclusi cannoni semoventi, carri armati e veicoli da combattimento della fanteria, in movimento, su un campo di addestramento a circa 300 km dal confine.

L’ultima valutazione dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino afferma che la Russia ha ora dispiegato più di 135.000 soldati vicino ai confini, inclusi circa 21.000 tra il personale aereo e marittimo, ha trasferito più missili tattici operativi Iskander al confine e ha aumentato la sua attività di intelligence, anche cyber, contro il paese.

La valutazione è arrivata dopo che tre cicli di colloqui diplomatici tra Russia e Occidente volti a ridurre l’escalation della crisi, non sono riusciti a produrre una risoluzione.

Le tensioni tra Ucraina e Russia sono aumentate alla fine del 2013 a causa di un importante accordo politico e commerciale con l’Unione Europea. Dopo che l’allora presidente filorusso, Viktor Yanukovich, aveva sospeso i colloqui, secondo quanto riferito sotto la pressione di Mosca, settimane di proteste a Kiev sono sfociate in violenze.

Poi, nel marzo 2014, la Russia ha annesso la Crimea, una penisola autonoma nell’Ucraina meridionale con una forte lealtà russa, con il pretesto di difendere i suoi interessi e quelli dei cittadini di lingua russa. In primo luogo, migliaia di soldati di lingua russa, soprannominati “piccoli uomini verdi” e successivamente riconosciuti da Mosca come soldati russi, si sono riversati nella penisola di Crimea. In pochi giorni, la Russia ha completato la sua annessione con un referendum che è stato definito illegittimo dall’Ucraina e dalla maggior parte del mondo. Poco dopo, i separatisti filorussi nelle regioni ucraine di Donetsk e Lugansk hanno dichiarato la loro indipendenza da Kiev, provocando mesi di pesanti combattimenti. Nonostante Kiev e Mosca abbiano firmato un accordo di pace a Minsk nel 2015, mediato da Francia e Germania, ci sono state ripetute violazioni del cessate il fuoco.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, da marzo 2014 si sono verificati più di 3.000 morti civili legati al conflitto nell’Ucraina orientale.

L’Unione europea e gli Stati Uniti hanno imposto una serie di misure in risposta alle azioni della Russia in Crimea e nell’Ucraina orientale, comprese sanzioni economiche nei confronti di individui, entità e settori specifici dell’economia russa.

Alla luce di questo, il governo ucraino insiste sul fatto che Mosca non può impedire a Kiev di costruire legami più stretti con la NATO, se lo desidera.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha avvertito che un colpo di stato pianificato potrebbe far parte del piano della Russia prima di un’invasione militare. Poiché la pressione militare esterna va di pari passo con la destabilizzazione interna del Paese.

Le tensioni tra i due paesi sono state esacerbate dall’aggravarsi della crisi energetica ucraina che, secondo Kiev, Mosca ha deliberatamente provocato.

Allo stesso tempo, il governo di Zelenskiy deve affrontare sfide su molti fronti. La popolarità del governo è rimasta stagnante in mezzo a molteplici sfide politiche interne, tra cui una recente ondata di infezioni da Covid-19 e un’economia in difficoltà.

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina nel 2014, la NATO ha aumentato le sue difese con gruppi tattici pronti per il combattimento nella parte orientale dell’alleanza, nei paesi baltici, in Lettonia, ma anche nella regione del Mar Nero.

L’Ucraina non è un membro della NATO, e quindi non ha le stesse garanzie di sicurezza dei membri della NATO. Ma Stoltenberg, il segretario generale della Nato, ha lasciato sul tavolo la possibilità che l’Ucraina lo diventi presto.

Un altro problema riguarda l’approvvigionamento energetico. L’Ucraina vede il controverso gasdotto Nord Stream 2, che collega le forniture di gas russe direttamente alla Germania, come una minaccia alla propria sicurezza.

Il Nord Stream 2 è uno dei due gasdotti che la Russia ha posato sott’acqua nel Mar Baltico oltre alla sua tradizionale rete di gasdotti terrestri che attraversa l’Europa orientale, inclusa l’Ucraina.

Kiev vede i gasdotti attraverso l’Ucraina come un elemento di protezione contro un’invasione della Russia, poiché qualsiasi azione militare potrebbe potenzialmente interrompere il flusso vitale di gas verso l’Europa.

Analisti e legislatori statunitensi hanno espresso preoccupazioni sul fatto che Nord Stream 2 aumenterà la dipendenza europea dal gas russo e potrebbe consentire a Mosca di colpire selettivamente paesi come l’Ucraina con tagli energetici, senza un’interruzione più ampia delle forniture europee. Bypassare i paesi dell’Europa orientale significa anche che quelle nazioni sarebbero private di redditizie tasse di transito che la Russia altrimenti pagherebbe.

Una settimana fa, la Casa Bianca ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina era “imminente”. Ma non è ancora successo e il tempo stringe.

In poche settimane, il ghiaccio potrebbe aver iniziato a scongelarsi, oppure potrebbe essere ancora abbastanza spesso da consentire all’armata russa di camminarci senza essere sommersa.

Nel frattempo, in Bielorussia, il Cremlino ha riunito la più grande concentrazione di soldati e armi moderne dalla guerra fredda. Secondo Jens Stoltenberg, la Russia ha schierato 30.000 truppe da combattimento, unità d’élite Spetsnaz, caccia Su-35 e sistemi di difesa missilistica S-400.

È una forza formidabile. I soldati sono stati trasferiti in Bielorussia in vista delle esercitazioni militari che inizieranno il 10 febbraio e termineranno il 20 febbraio. Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, stretto alleato di Vladimir Putin, è arrivato giovedì in Bielorussia.

Putin insiste però che non invaderà l’Ucraina. Allo stesso tempo, il presidente della Russia ha avanzato una serie di richieste irrealistiche e di massima sicurezza: che la Nato escluda per sempre l’adesione dell’Ucraina e si ritiri dall’Europa orientale. Il rifiuto dell’Occidente di accettare questi termini fornisce a Putin un pretesto per operazioni militari offensive, formulate come autodifesa.

In risposta al potenziamento militare russo senza precedenti, l’amministrazione Biden, secondo il Pentagono, ha consegnato circa 450 milioni di dollari all’Ucraina per assistenza alla sicurezza nel 2021, incluso un pacchetto di armi leggere e munizioni a dicembre. Pochi giorni fa ha deciso di inviare più di 3.000 soldati in Germania, Polonia e Romania. Mosca ha condannato la mossa come un “passo distruttivo”.

Mentre il mondo ha guardato con ansia all’Ucraina, il Cremlino ha in effetti militarizzato e conquistato la Bielorussia. Dopo che Mosca ha annesso la Crimea nel 2014, il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, ha rifiutato l’idea di rinunciare alla sovranità del suo paese in cambio di una più stretta unione con la Russia. Il suo calcolo è cambiato nell’estate del 2020, quando ci sono state massicce proteste di piazza dopo la sua rielezione presidenziale. Mosca gli ha offerto sostegno politico e ha contribuito a sedare le manifestazioni. Ma c’era un prezzo: l’occupazione apparentemente permanente della Bielorussia da parte delle forze armate russe.

Lukashenko si è schierato con Mosca nella sua lotta con Kiev. Di recente ha accettato di concedere alla Russia un uso quasi illimitato di quattro basi aeree, una base missilistica terra-aria e circa 30 siti di stoccaggio sul territorio bielorusso. Le forze russe ora affrontano la Nato su un nuovo fronte dell’Europa orientale, che comprende gli stati di Polonia, Lettonia e Lituania.

Le forze russe sono anche di stanza in Crimea, nella repubblica separatista della Transnistria vicino alla Moldavia, e, di nascosto, dice Kiev, nei territori ad est in mano ai separatisti.

Il presidente turco e jolly della diplomazia Nato, Recep Tayyip Erdoğan, si è recato giovedì scorso a Kiev per offrirsi nel ruolo di mediatore tra l’Ucraina e il presidente russo Vladimir Putin. Si unirà ai leader d’oltremare che presteranno il loro sostegno al presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy e dovrebbe firmare un accordo di libero scambio.

Con l’adesione della Turchia alla Nato, spesso messa in discussione, in parte a causa della sua decisione di acquistare il sistema di difesa aerea S-400 di fabbricazione russa, Erdoğan deve affrontare un difficile equilibrio nel mostrare un forte sostegno diplomatico continuo all’Ucraina senza danneggiare le sue complesse relazioni a lungo termine con Mosca.

Nel tentativo di rassicurare Mosca prima della visita di Erdoğan, il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, ha sottolineato l’impegno di Ankara nei confronti della Convenzione di Montreux del 1936, il trattato che limita rigorosamente l’accesso delle forze NATO al Mar Nero attraverso il Bosforo.

La convenzione regola il traffico marittimo attraverso lo stretto del Bosforo e dei Dardanelli in Turchia, il collegamento tra il Mediterraneo e il Mar Nero.

Il suo status non è accademico in caso di conflitto. Durante lo scontro in Georgia, la Turchia ha rifiutato di far entrare le navi da guerra statunitensi nel Mar Nero, percepita come una delle mosse statunitensi per scoraggiare la Russia.

La Turchia ha sostenuto la comunità tartara nella Crimea occupata dalla Russia, ma non ha aderito alle sanzioni contro la Russia sulla scia dell’invasione del 2014. I tartari musulmani turchi erano la maggioranza fino a quando Stalin non li espulse e milioni di persone si trasferirono in Turchia. La Russia ha usurpato la Crimea e “le cose non possono andare avanti con una mentalità di occupazione”, ha detto Erdoğan il 17 gennaio.

Gli sforzi di Erdoğan per diventare il principale mediatore saranno probabilmente respinti da Mosca. Putin è stato irritato dalla decisione di Ankara di vendere droni a Kiev per l’uso nell’Ucraina orientale, nonché da una nuova offerta per costruire un impianto di produzione di droni turco nel paese.

Nel cuore dell’Europa invece, si muovono due Stati, in prima linea per la diplomazia. Il presidente francese, Emmanuel Macron, dopo tre conversazioni telefoniche con Putin, in meno di una settimana, volerà a Mosca lunedì 7 febbraio e poi a Kiev martedì. Il tedesco Olaf Scholz si recherà a Kiev il 14 febbraio e a Mosca il giorno successivo.

Scholz, deve affrontare critiche in patria e all’estero per aver agito in modo troppo passivo durante la crisi ucraina. Un atteggiamento restrittivo nei confronti dell’esportazione di armi è una fonte di frustrazione. Nonostante sia uno dei primi cinque maggiori esportatori di armi al mondo, la Germania afferma di non poter inviare armi letali nelle zone di conflitto per ragioni storiche, fornendo invece all’Ucraina 5.000 elmetti militari, un gesto che il sindaco di Kiev ha descritto come “uno scherzo”.

Non ha ancora firmato documenti che consentano all’Estonia di fornire all’Ucraina nove obici D-30, che la Germania deve autorizzare, perché le armi a lungo raggio di fabbricazione sovietica un tempo erano di stanza nella Germania dell’Est.

Nel frattempo, in Germania, l’organismo regolatore tedesco dei media “Zak” ha interdetto la diffusione delle trasmissioni in lingua tedesca del canale televisivo russo “RT DE”. L’authority ha contestato all’emittente di non essere in possesso della licenza per le trasmissioni. La procedura di interdizione era stata avviata a dicembre.

In rappresaglia, la Russia ha ordinato la chiusura dell’ufficio locale della stazione radiotelevisiva internazionale tedesca “Deutsche Welle”.

Il Cremlino aveva definito il bando tedesco come un attacco alla libertà di espressione. Il ministero degli Esteri moscovita annuncia le misure di ritorsione: chiusura dell’ufficio locale della stazione televisiva tedesca, ritiro dell’accredito dei dipendenti e interruzione delle trasmissioni. È la prima volta che un media straniero viene chiuso. Mosca ha anche annunciato l’avvio di una procedura volta a riconoscere “Deutsche Welle” come “agente straniero”, una qualificazione famigerata e controversa già applicata a diversi media russi critici del potere.

Nelle ultime settimane c’è stato anche uno scambio di documenti tra Stati Uniti, Nato e Russia che hanno definito le rispettive posizioni sulla sicurezza europea e una serie di telefonate tra il segretario di Stato americano, Antony Blinken, e il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov.

Gli Stati Uniti hanno suggerito una serie di aree di negoziazione e possibili misure di rafforzamento della fiducia, ma hanno insistito sul fatto che non possono esserci compromessi sul diritto dell’Ucraina di aderire alla Nato. L’alleanza ha anche affermato che non è negoziabile. La richiesta fondamentale della Russia è di garanzie che la Nato non si espanda più a est.

Agli occhi della Russia, la sicurezza indivisibile è al centro della crisi ucraina perché pensa che l’espansione della Nato minacci la sua stessa sicurezza. Il termine fornisce la base strategica per la richiesta russa che la Nato si ritiri dall’Europa centrale e orientale. È apparso in tutti i principali documenti strategici russi dal 1990.

L’argomento è stato sollevato da Vladimir Putin nella sua telefonata con Boris Johnson mercoledì, e compare nei due documenti di bozza di trattato pubblicati dalla Russia a metà dicembre. È stato anche al centro di un messaggio scritto ed inviato il 28 gennaio alla Nato dal ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov.

La Russia sostiene che la Nato gestisce una politica della porta aperta sull’espansione perché solo essa e gli Stati candidati hanno la competenza di decidere se le domande devono essere accettate o meno. Le opinioni degli Stati rimasti fuori dal blocco sono legittime, afferma la Russia, e devono essere prese in considerazione.

Sempre secondo la Russia, l’occidente ha accettato questo concetto. Si basa principalmente su due documenti dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) per promuovere la sua versione di sicurezza indivisibile: la Carta per la sicurezza europea, firmata a Istanbul nel novembre 1999, e la Dichiarazione Commemorativa di Astana del dicembre 2010. Gli Stati Uniti sono firmatari di entrambi i documenti. La Carta di Istanbul afferma che i paesi dovrebbero essere liberi di scegliere i propri accordi di sicurezza e alleanze, ma aggiunge che “non rafforzeranno la loro sicurezza a spese della sicurezza di altri Stati”.

Il governo russo ha accusato il dipartimento di Stato americano di aver scelto selettivamente da un “pacchetto di impegni interconnessi” solo quegli elementi che servono al suo scopo. Il principio alla base, secondo la Russia, è che se alcuni paesi coesistessero in una particolare regione, dovrebbero avere interessi di sicurezza comuni. Di conseguenza, hanno bisogno di piattaforme internazionali inclusive per comunicare.

L’Occidente, in risposta, sottolinea che il documento di Istanbul affermava esplicitamente il diritto intrinseco degli Stati nazione a scegliere le loro alleanze di sicurezza. Non prevedeva un diritto di veto alla Russia.

Afferma che anche i documenti OSCE firmati dalla Russia, inclusa la Carta di Parigi del 1990, presumevano un’adesione ai diritti umani e alla democrazia. L’Occidente ribadisce che è un abuso del concetto di sicurezza indivisibile e una violazione dello spirito dell’Atto finale di Helsinki (1975) se la Russia insiste nel dissociare le questioni di sicurezza dai diritti umani.

Nelle guerre, i casus belli contano tanto quanto le formazioni di carri armati. In teoria possono avere importanza anche nel diritto internazionale. Se le due parti potessero arrivare a una comprensione collettiva della sua applicazione pratica, potrebbe essere d’aiuto.

D’altra parte, questo è solo il linguaggio attraverso il quale si conduce una disputa sul potere e sui valori. Inoltre, le percezioni di sicurezza e minaccia sono altamente soggettive, poiché la sicurezza di una persona è l’insicurezza di un’altra.

Se, come sembra sempre più probabile, la Russia decide di non lanciare un’invasione a tutto campo dell’Ucraina, i politici statunitensi e britannici che hanno passato settimane a terrorizzare con discorsi sull’incombente scontro armato avranno alcune spiegazioni da dare.

La formazione militare diretta da Vladimir Putin è reale. Ma cresce il sospetto che la minaccia reale, di un attacco convenzionale su larga scala sia male interpretata, sopravvalutata o deliberatamente esagerata. Non sarebbe la prima volta.

Questo punto di vista è condiviso in parte dal leader ucraino Zelenskiy, che la scorsa settimana ha chiesto al presidente degli Stati Uniti, Biden, di smettere di suggerire che l’invasione fosse “imminente”. I selvaggi discorsi americani sulla guerra stavano danneggiando il suo paese alimentando il panico.

Alla fine di gennaio, i funzionari dell’intelligence britannica informarono in modo anonimo che l’invasione poteva essere “distante due o tre settimane”. Ciò ha fatto eco alle previsioni allarmistiche statunitensi di conflitto “in qualsiasi momento”.

È già in corso una furiosa guerra alla verità. La Russia afferma che mercenari statunitensi sono attivi in Ucraina. Sospette accuse di un complotto per cacciare Zelenskiy sono state avanzate dal Ministero degli Esteri di Liz Truss. Washington afferma che un video falso, non ancora visto da nessuno, mostra un attacco in scena alle forze russe.

Johnson e Biden avvertono che entro febbraio si scatenerà un conflitto che cambierà il mondo. Potrebbero ancora avere ragione.

Mentre Biden invia l’82a divisione aviotrasportata nell’Europa orientale questo fine settimana, Putin si sta “rilassando” con il suo caro amico, il presidente Xi Jinping, alle Olimpiadi invernali di Pechino.

Deplorando “l’isteria occidentale”, il Cremlino nega qualsiasi intenzione di invadere. Putin ha detto la scorsa settimana che sperava che il “dialogo” avesse successo, rifiutandosi di ritirare le sue forze. Ovviamente Putin non è un uomo di cui fidarsi. Il suo ragionamento è contorto, la sua manovrabilità famigerata, i suoi metodi impulsivi. Ma sembra che sia stato messo in pausa dalla febbrile risposta degli Stati Uniti.

Ora sembra concentrato sull’estrazione del massimo vantaggio diplomatico, vale a dire concessioni sulla sicurezza europea, sulla Nato e sui nuovi dispiegamenti di missili statunitensi a medio raggio, pur mantenendo la pressione militare. Putin ha anche dato un brutto colpo ai “burattini occidentali” di Kiev. Questo potrebbe essere stato il suo piano di gioco per tutto il tempo.

Se questa “guerra” finisce con un nulla di fatto, Johnson e altri dichiareranno vittoria, dicendo che hanno affrontato l’aggressione. I leader europei sosterranno che la diplomazia è stata rivendicata.

È vero che Biden sostiene con forza la Nato, che sostiene gli interessi degli Stati Uniti in Europa. È anche vero che, da veterano della guerra fredda, il suo istinto è quello di difendere la democrazia e la libertà nei paesi minacciati da Mosca.

Eppure, la spinta prevalente e urgente della sua politica estera fino ad oggi si è concentrata sulla regione indo-pacifica, (Taiwan), e in particolare sul più grande sfidante dell’America, la Cina, non sull’Europa.

Quando cita le minacce “che cambiano il mondo”, Biden parla principalmente di questa competizione accelerata e senza confini del XXI secolo con la Cina. In un mondo globalizzato, pochi conflitti si verificano in isolamento.

L’irrequieto Kazakistan, dove Putin ha recentemente schierato truppe con la benedizione di Pechino, è un’altra linea del fronte. Altri includono zone di conflitto potenziali o effettive: dalle repubbliche baltiche e dalla Bielorussia alla Libia, Siria, Myanmar, lo Xinjiang e il Mar Cinese Meridionale.

Cina e Russia si stanno avvicinando ad un’alleanza sempre più stretta. I loro leader condividono la stessa ideologia post-comunista, autoritaria e nazionalista. Entrambi vedono gli Stati Uniti come i campioni di un sistema internazionale, democratico e basato su regole che vogliono abbattere. Entrambi credono che l’America sia in declino terminale.

Anche prima dell’appuntamento di questo fine settimana, Putin e Xi avevano formato un fronte comune per resistere alle sanzioni occidentali alla Russia contro l’Ucraina e alla Cina per la repressione di Hong Kong e il genocidio degli uiguri. Ora stanno raddoppiando.

Putin ha affermato all’agenzia di stampa Xinhua che i due paesi svolgono un “importante ruolo stabilizzante” negli affari globali, rendendo le relazioni internazionali “più eque e inclusive”.

Mentre la cooperazione militare e il commercio stanno crescendo rapidamente, sono in cantiere anche nuovi accordi sulle forniture di gas alla Cina, il più grande cliente energetico della Russia. Un trattato di mutua difesa in stile Nato potrebbe non essere lontano.

La nascita di questo asse sino-russo, concepito in opposizione alle democrazie occidentali guidate dagli Stati Uniti, è lo sviluppo strategico più significativo a livello globale dal crollo dell’Unione Sovietica 30 anni fa. Definirà la prossima età.

La paura di ciò che la Cina potrebbe fare aiuta a spiegare la risposta frenetica, a volte iperbolica, di Biden all’assedio di Kiev. “È importante mostrare a Putin che il bullismo non funziona”. Ma questa crisi, fondamentalmente, non riguarda solo l’Ucraina e nemmeno l’Europa. Parla dell’intero nuovo mondo contestato e disordinato che ci attende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

krysopeainstitute