sabato, Aprile 20, 2024
Politica

La crisi Libica sembra inarrestabile. Le tensioni aumentano e manca un controllo politico legittimo sull’intero Paese.

di Umberto Bonavita

Sabato in alcune città più importanti della Libia la rabbia è esplosa in strada per il deterioramento delle condizioni di vita e lo stallo politico.

Nonostante essa sia in cima alle più grandi riserve di petrolio dell’Africa, i libici, dopo un decennio di disordini, soffrono per carenza di carburante e interruzioni di corrente elettrica per diverse ore al giorno. La National Oil Corporation libica ha già perso oltre 3,5 miliardi di dollari a causa delle chiusure. Ciò ha generato un calo della produzione di gas provocando un effetto a catena sulla rete elettrica.

Da quando nel 2011 una rivolta sostenuta dalla Nato, con Francia e Stati Uniti in testa, ha rovesciato e ucciso il dittatore Muammar Gheddafi, la Libia è piombata nel caos anche a causa di ripetuti conflitti interni.

I progressi compiuti dalla Libia verso la stabilità nel 2021 sono quasi svaniti. Un leader ad interim ha unificato due gabinetti in competizione e le fazioni rivali hanno deciso di programmare elezioni parlamentari e presidenziali che alla fine avrebbero portato alla formazione di un nuovo governo eletto. Ma le elezioni sono state annullate all’ultimo minuto e ora il Paese è ancora una volta bloccato in una situazione di stallo tra due dirigenti rivali, uno con sede nella città occidentale di Tripoli e l’altro attualmente operante dalla città costiera di Sirt, nella Libia centrale, senza consenso sulla via da seguire.

Le elezioni presidenziali e parlamentari, fissate inizialmente per il 24 dicembre 2021, avevano lo scopo di concludere un processo di pace guidato dalle Nazioni Unite dopo la fine delle violenze nel 2020. Il voto però non ha mai avuto luogo a causa di profondi disaccordi tra i centri di potere rivali di Tobruk ad est e Tripoli ad ovest e candidature controverse (tra queste anche il figlio di Gheddafi).

Da marzo, la Libia si trova ancora una volta coinvolta in una faida tra due governi paralleli, ciascuno dei quali rivendica la legittimità. Uno è l’esecutivo con sede a Tripoli guidato da Abdul Hamid Dbeibeh, divenuto primo ministro ad interim in seguito ai colloqui mediati dalle Nazioni Unite nel marzo 2021. L’altro è un esecutivo rivale guidato dall’est del Paese dall’ex ministro dell’Interno Fathi Bashagha, che ha ricevuto un voto di fiducia dal Camera dei rappresentanti con sede a Tobruk il 1° marzo. Fatta eccezione per la Russia, che riconosce Bashagha, il governo Dbeibeh continua a godere di riconoscimenti internazionali, principalmente a causa di preoccupazioni procedurali relative al voto di fiducia del 1° marzo. (Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres è stato tra le voci più importanti per esprimere riserve sul voto.

Abdul Hamid Dbeibeh e Fathi Bashagha

Eppure, la Camera dei Rappresentanti, Haftar, il comandante delle forze con sede a est che hanno assediato Tripoli nel 2019, e altri sostenitori di Bashagha insistono sul fatto che il sondaggio è stato valido e che il governo continuato di Dbeibeh è illegittimo.

Sabato le forze di Haftar hanno affermato di “appoggiare le richieste dei cittadini”, ma hanno chiesto ai manifestanti di “preservare la proprietà pubblica”.

Per oltre un anno, gli sforzi diplomatici e di mediazione intorno alla Libia si sono concentrati sull’idea di elezioni che purtroppo per il momento non si svolgeranno, visto anche il fallimento dei negoziati di Ginevra.

La Libia importa quasi tutto il suo cibo e con l’aumento dei prezzi derivanti dalla guerra in Ucraina, il settore è in piena crisi. Anche il settore energetico libico è in seria difficoltà a causa di divisioni politiche, con chiusure forzate degli impianti petroliferi da aprile ormai.

I sostenitori dell’amministrazione di Tobruk hanno interrotto la produzione di petrolio per ricattare e garantire un trasferimento di potere a Bashagha, il cui tentativo di insediarsi nella città di Tripoli a maggio per destabilizzare il governo e prendere il potere, si è concluso con un rapido ritiro. Era entrato in città in segreto durante la notte con il supporto di un potente gruppo armato, l’ottava brigata, ma si è trovata isolata e nessun altro supporto è arrivato dall’esterno della città. In dichiarazioni prima del suo ritiro, la fazione di Bashagha ha chiarito di aver pianificato di prendere il controllo del governo e ha affermato di aver ricevuto una calorosa accoglienza nella capitale. Il grosso degli scontri è avvenuto all’alba.

Nel Paese la corruzione è sistematica sia ad est che a ovest, le milizie di entrambe le fazioni sono responsabili di traffici illeciti, vendendo carburante sul mercato nero.

Questa crisi coinvolge importanti interessi energetici e di sicurezza dell’UE e degli Stati membri. Una Libia instabile rischia di danneggiare i tentativi europei di diversificare le importazioni di idrocarburi e ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas russo. Le controversie nel settore petrolifero e del gas minano la stabilità dell’offerta a breve termine e mettono a rischio la disponibilità di risorse aggiuntive a lungo termine. Un’altra preoccupazione riguarda il Gruppo Wagner, l’ormai famoso appaltatore militare privato russo che collabora con il governo Bashagha e le forze allineate di Khalifa Haftar. Il personale Wagner opera anche nelle regioni orientali e meridionali della Libia. Sebbene la compagnia abbia ritirato alcuni dei suoi combattenti per l’invasione russa dell’Ucraina, lasciandone meno di mille in Libia.

Le capitali europee temono che il crescente confronto con la Russia possa indurre Mosca a utilizzare Wagner per creare problemi in Libia, sul fianco meridionale della NATO. Infine, le divisioni istituzionali mettono a rischio il desiderio dell’Europa di un partner libico funzionante per arginare la migrazione irregolare verso nord e la diffusione di gruppi jihadisti nella regione.

Un gruppo di paesi, che comprende Algeria, Turchia ed Emirati Arabi Uniti, sostiene Dbeibeh e la sua dichiarata intenzione di tenere le elezioni parlamentari prima di una gara presidenziale, principalmente perché dubitano che Bashagha riuscirà a ottenere un ampio riconoscimento internazionale o a stabilire il suo governo a Tripoli, come ha promesso pubblicamente.

Un secondo gruppo, composto da Egitto, Francia e Stati Uniti, riconosce ufficialmente il governo Dbeibeh ma sostiene tacitamente Bashagha. Sebbene si professino neutrali nella faida, secondo alcuni stakeholder libici e diplomatici stranieri, questi stati preferirebbero vedere il governo di quest’ultimo assumere il potere. Credono che la Libia trarrebbe beneficio da un’alleanza tra Bashagha e Haftar, che sono ex nemici. Per ora, sembrano ancora pensare che Bashagha possa prendere il potere a Tripoli e, probabilmente per questo motivo, non hanno attivamente sostenuto l’idea che i governi rivali debbano negoziare la loro unificazione.

Un terzo gruppo, composto da Germania, Italia e Regno Unito, riconosce il governo Dbeibeh e ha dato un’accoglienza più diffidente all’alleanza Bashagha-Haftar, in parte perché preoccupato per la dipendenza di Haftar dal gruppo russo Wagner. Questo gruppo è anche scettico riguardo allo svolgimento di elezioni presidenziali in vista delle insormontabili controversie legali che hanno portato le autorità a cancellare le urne a un certo punto previste per dicembre 2021, ma non hanno una preferenza scolpita sulla strada da percorrere. Pur restando impegnati a sostenere un processo politico guidato dalle Nazioni Unite, sembrano più aperti di altri ad accettare negoziati per un nuovo governo ad interim e a dare priorità alle elezioni legislative, sia rispetto a quelle presidenziali sia rispetto alla modifica del progetto di costituzione.

Infine, Mosca, l’unica capitale straniera a riconoscere ufficialmente il governo Bashagha, è un valore anomalo. La sua posizione sui passaggi necessari per completare la transizione rimane poco chiara.

Fortunatamente, gli attori stranieri che sono stati attivi in Libia finora non sono stati disposti a spingere i loro rispettivi delegati in una nuova guerra, soprattutto perché ex nemici regionali, come Egitto e Turchia, o Emirati Arabi Uniti e Qatar, hanno in una certa misura messo da parte le loro ostilità, almeno per il momento. Né, all’interno della Libia, gli stessi fronti rivali sembrano desiderosi di un nuovo conflitto. Ma nel teso contesto geopolitico creato dalla guerra in Ucraina, la situazione potrebbe deteriorarsi rapidamente. Mosca potrebbe, ad esempio, dirigere mercenari del Gruppo Wagner allineati ad Haftar per creare un diversivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

krysopeainstitute