mercoledì, Maggio 22, 2024
Politica

Il vuoto della leadership UE nella crisi di sicurezza europea.

di Umberto Bonavita

Il confronto tra Russia e Occidente non riguarda solo il futuro degli accordi di sicurezza dell’Ucraina; si tratta dell’intero quadro strategico dell’Europa del dopo Guerra Fredda.

A tutti gli effetti, la Russia chiede un’altra divisione del continente in sfere di influenza, qualcosa che gli europei hanno cercato di evitare negli ultimi tre decenni.

Questo non è un confronto in cui il vincitore prende tutto e sono possibili molte combinazioni. Tuttavia, quello che è certo è che il Continente si trova ad affrontare la peggiore crisi di sicurezza dalla caduta del muro di Berlino.

La settimana scorsa, il viaggio in treno di Macron, Draghi e Scholz per Kiev è stato un semplice tour di solidarietà e vicinanza al governo di Zelensky, senza portare a risultati concreti.

Nel frattempo, la guerra in Ucraina continua senza sosta e la Lituania è stata appena minacciata direttamente dalla Russia per il blocco ferroviario di alcune merci (in prevalenza acciaio) sanzionate dall’UE.

I tedeschi stanno parlando di un razionamento energetico prima dell’inverno e le Nazioni Unite avvertono di una crisi alimentare globale a causa del blocco russo del Mar Nero, che impedisce le esportazioni cruciali di grano dell’Ucraina.

La situazione attuale ci proietta in una crisi di sicurezza europea che sta rapidamente diventando globale.

Nella prossima settimana ci sarà un vertice dell’UE a Bruxelles, un incontro delle nazioni del G7 in Germania e un grande vertice dell’alleanza di difesa della Nato a Madrid.

Chi sarà in grado di parlare a nome di tutti i leader del “blocco” ancora non è noto, di certo non pare esserci una leadership UE all’altezza.

I Paesi con una geografia e una storia condivisa con la Russia, sono “nuove” potenze guida dell’UE, emergenti come risultato diretto dell’invasione russa dell’Ucraina. La voce della Polonia, insieme ai tre Stati baltici, è diventata sempre più forte a Bruxelles, e anche all’interno dell’alleanza di difesa della Nato. Dopo anni di avvertimenti all’Occidente per una possibile crisi di sicurezza con il Cremlino, i loro punti di vista sono ora ascoltati con più rispetto e considerazione.

Discorso opposto per l’Ungheria, il suo Primo Ministro Victor Orban, appena rieletto, è sempre stato contrario alle sanzioni dell’UE nell’attuale crisi.

Al vertice di Bruxelles di questa settimana, i leader dell’UE hanno in programma di annunciare una decisione congiunta di offrire all’Ucraina lo status di candidatura (una mossa in gran parte simbolica, che consentirà al paese di avviare il lungo processo di richiesta di adesione all’UE). I leader dell’UE ribadiranno inoltre il loro impegno ad aiutare l’Ucraina dal punto di vista economico e militare.

Il Presidente ucraino ha avvertito che la Russia potrebbe aumentare i suoi attacchi militari in rappresaglia alla decisione. Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, afferma che il Cremlino presterà “maggiore attenzione” all’applicazione perché l’UE sta valutando la possibilità di formare una propria forza di difesa.

Ma più a lungo continua l’assalto militare di Mosca, più difficile diventa mantenere l’unità di intenti all’interno dell’UE e della più ampia coalizione occidentale.

Ci sono divisioni, ad esempio, su quali dovrebbero essere gli obiettivi di guerra dell’Ucraina.

Ufficialmente gli alleati dicono che spetta all’Ucraina decidere i propri obiettivi militari. Ma le consegne di armi occidentali saranno fondamentali per influenzare l’azione che l’esercito ucraino può intraprendere.

Berlino, Parigi e Roma, invece, si stanno concentrando sulla fine delle ostilità in Ucraina ma non a qualsiasi prezzo. Il sostegno all’Ucraina e ai suoi militari è autentico.

Molti leader dell’Europa occidentale hanno in mente sondaggi di opinione nazionali. Gli elettori temono che il conflitto in Ucraina si diffonda e assuma una dimensione globale.

Anche l’aumento dei prezzi di cibo e carburante è motivo di preoccupazione. I leader dell’Europa occidentale si preoccupano anche di una nuova possibile crisi migratoria, le persone in Medio Oriente e Africa finiranno per fuggire dalla fame provocata dallo stop delle esportazioni marittime di grano ucraino.

Gli Stati Uniti stanno cercando di cavalcare questi punti di vista contrastanti, sperando di tenere unita una coalizione occidentale.

Washington ha voluto incoraggiare il sostegno anche in Asia. Il Giappone e la Corea del Sud sono stati invitati come osservatori al grande vertice della Nato a Madrid la prossima settimana, così come l’Australia e la Nuova Zelanda.

Un’alleanza di democrazie in stile occidentale è il modo in cui viene rappresentata e l’UE è parte integrante di questa alleanza. Tuttavia, il suo sogno di diventare un attore politico, oltre che economico, verrà a mancare se il blocco continuerà a cavarsela mancando di una leadership decisiva.

L’ingresso in una nuova fase di blocchi contrapposti è inevitabile.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

krysopeainstitute